Bambù- composizione di Sompong Yusoontorn

Alcune frasi, alcune storie possono riaprire una strada importante per le persone che da insoddisfatte divengono motivate nel ritorno alla vita.

Bambù- composizione di Sompong Yusoontorn

Questa è la storia di un uomo che era senza speranza e voleva smettere di vivere prima di vedere ciò che il divino gli mostrò.

L’inizio della storia:

Un giorno decisi di farla finita. Lasciai il mio lavoro, tutti i miei rapporti sociali e anche la mia spiritualità mi abbandonò, volevo porre fine alla mia esistenza.

Sono andato al bosco per avere un ultimo colloquio con il divino e chiesi di darmi una buona ragione per non porre fine alla mia vita.

Ricevetti una risposta:

Guardati intorno, osserva la felce e il bambù quando ho piantato la felce e il seme di bambù, mi sono preso molta cura di loro.

Ho dato loro la luce

Ho dato loro l’acqua

La felce è cresciuta rapidamente dalla terra e il suo colore verde brillante copriva il pavimento erboso. Eppure nulla uscì dal seme di bambù. Ma non ho abbandonato il bambù.

Nel secondo anno la felce crebbe ancora più vivace e abbondante. Anche in questo caso, niente è venuto dal seme di bambù. Ma non ho abbandonato il bambù.

Al terzo anno non vi era ancora nulla dal seme di bambù. Non volevo lasciare il bambù e continuai a prendermi cura di lui.

Anche al quarto anno nulla emergeva dai semi di bambù. Non volevo lasciare il bambù e continuai a prendermi cura di lui.

Poi al quinto anno un piccolo germoglio emerse dalla terra, lo guardai e mi accorsi che rispetto alla felce era piccolo e insignificante … ma dopo soli solo sei mesi, il bambù crebbe salendo verso il cielo e svettando.

Questa pianta aveva speso cinque anni per la sua crescita. Quelle radici l’hanno resa forte e ha preso ciò di cui aveva bisogno dalla terra per sopravvivere. Io non abbandonerei nessuna delle mie creazioni. E quella era una sfida che il bambù poteva gestire con il trascorrere del tempo.

Non sapevo bambino mio, che per tutto questo tempo hai lottato, hai oggi il tuo processo di crescita delle radici.

Come non ho lasciato il bambù.

Non potrò mai lasciare te solo.

Non paragonarti ad altri però.

Il bambù ha uno scopo differente rispetto a quello della felce anche se entrambi rendono la foresta bella, cooperando per l’obiettivo finale.

bambù

felce

Verrà il tuo tempo per salire in alto, come il bambù

Quanto in alto devo salire? ho chiesto

Quanto in alto posso spingermi? Ho polemizzato

A me darà gloria vederti arrivare in alto il più possibile

Ho lasciato la foresta per riportare questa storia alle persone che la leggeranno. Spero che queste parole possano aiutarti a vedere che anche la tua divinità non potrà mai rinunciare a te. Egli non potrà mai rinunciare a te. Non ha mai rimpianto un giorno nella vostra vita. Buoni giorni ti danno la felicità mentre i giorni cattivi ti forniscono esperienze. Entrambi sono essenziali per la vita.

La felicità mantiene dolci, le prove consentono di rimanere forti, il dolore rende umani, il grande si mantiene umile, il successo rende poco virtuosi.

Ma solo il vostro atteggiamento positivo si deve mantenere sempre costante.

Il compositore ringrazia- versi di: Sompong Yusoontorn

Rispondi