Il tuo manifesto rappresenta la cultura che hai

Un manifesto e la cultura acquisita alle volte possono rivelare qualcosa che non si era mai vista in precedenza e dare accesso a progetti, iniziative o semplicemente idee nuove e partecipate.

Il tuo manifesto rappresenta la cultura che hai

Un manifesto e la cultura acquisita alle volte possono rivelare qualcosa che non si era mai vista in precedenza.

E ‘così facile mettere insieme un mucchio di luoghi comuni che vengono definiti poi intenti con estrema semplicità.

Seth Godin ci fornisce valide indicazioni rispetto all’argomento, spunti che ci hanno arrichiti facendoci riflettere. Scegliere di compiere determinate azioni che si riversano nell’ambito lavorativo sollecitando successive interazioni positive significa avere un programma preciso, o almeno un punto di un programma potenziale può essere quello di agire con un determinato atteggiamento che sia aperto e cooperativo al fine di indurre un armonia nel luogo di lavoro.

Ma cosa succede se in realtà si ha una missione specifica, una cultura in mente, un manifesto per le azioni da compiere? La scelta fondamentale è questa: bisogna descrivere (e vivere) le scelte difficili. Bisogna capire chi vi deluderà o offenderà. Più di tutto, è necessario essere chiari su ciò che è importante e ciò che non si vuole o non si può fare.

Un ennesimo e importante spunto di riflessione. Troppe volte nelle aziende si tende a sottovalutare un malessere causato da un offesa, trovare la giusta via per capire che esiste un equilibrio tra le persone e nelle cose è certamente un passo giusto da compiere per il benessere di un team.

Esistono aree della terra dove lo sviluppo non è ancora presente, luoghi che vivono situazioni di povertà assoluta.

La necessità in questi contesti è quella di trovare del potenziale dove altri vedono unicamente la disperazione ma tale potenziale si deve legare non più alla sola idea di controllo che spesso chi va in paesi disagiati ha, ma piuttosto a quella di lavorare per rendere reale un progetto ambizioso e che ha come fulcro il cambiamento di una determinata situazione.

Alcune idee sono spesso solo tali e non si concretizzano specie quando queste si debbono incontrare con il tema della miseria di alcuni paesi, la cultura quindi può anche fallire se il progetto è molto grande, o se le condizioni di diverso tipo non ne permettono il pieno sviluppo ma ciò non deve scoraggiare nel provare a metterlo in pratica perché la posta in ballo in un contesto come quello esposto, è davvero alta e quindi tentare e fallire è meglio che non fare nulla.

Riflessioni che oggi ancor più che nel passato dovrebbero fare tutti perché si dimostrano davvero necessarie, come anche necessarie sarebbero prese di posizione e azioni volte a cambiare molte realtà.

Rispondi