Ispirazione: qualità imprescindibile del leader

L’ispirazione è una forza che agisce dall’interno per influenzare se stessi e il prossimo, è la fonte di energia infinita che nutre i sogni del leader e del suo gruppo.

Ispirazione: qualità imprescindibile del leader

Un leader deve essere ispirato. L’ispirazione disegna la linea di demarcazione tra il concetto di leader e quello del manager. Cos’è l’ispirazione e a quali imprese conduce?

L’ispirazione è un particolare stato della mente e, in un certo senso, dell’anima. Quello stato che attiva la fantasia, la creatività e l’intuito e che genera allo stesso tempo una sensazione di felicità. Emozione, questa, che scaturisce dal mettere in pratica progetti, dal pensare nuove strade, dal coinvolgimento del capitale umano e delle risorse materiali.

L’ispirazione è quella forza, in un tempo insondabile e pienamente riconoscibile, che annulla il senso di fatica, che fa percepire i propri impegni più leggeri e sopportabili. L’ispirazione è, in parole povere, quella forza che attrae l’uomo al suo obiettivo.

L’ispirazione non è, tuttavia, una qualità “individuale”. Non riguarda solo chi la prova, o almeno non dovrebbe farlo. Agisce sul prossimo, ossia su chi è in contatto con colui che è “ispirato”. E’ in questa dimensione – quella del sé in comunione con l’altro – che il concetto di ispirazione incontra il concetto di leadership.

L’ispirazione, infatti, proprio come la voglia di fare – ma a un livello più profondo – è contagiosa. Chi è ispirato infonde ispirazione anche negli altri. Ecco, dunque, qual è il compito del leader: ispirare se stesso per ispirare gli altri. Puntare a una vetta, crederci e portare con sé anche gli altri. Il coinvolgimento è la parola chiave, il prodotto più puro dell’ispirazione.

I risvolti pratici sono numerosi e tutti positivi. Un leader ispirato sopporta la fatica, trasforma le minacce in opportunità, la sconfitta in un’occasione di redenzione, lo sconforto in un momento di riflessione. Illumina la strada che lo separa dal suo obiettivo, rende probabile ciò che prima era solo possibile, facile ciò che prima appariva difficile. E, con il suo entusiasmo misto a determinazione, trasmette agli altri il suo assetto mentale, questa sua “condizione di grazia”.

Sicché, un compito gravoso appare di colpo più semplice da portare un termine. Uno scopo che prima sembrava futile di riempie di senso e di valori. Un percorso tortuoso e pieno di curve diventa all’improvviso diritto.

Il leader ispirato, ispirando gli altri, fa molto di più: trasforma in un gruppo in una comunità, forse anche in una famiglia. Lega a sé, e tra di loro, delle persone, ora finalmente tese alla realizzazione dello stesso obiettivo.

Trovare l’ispirazione non è semplice. A frapporsi tra il leader e la conquista di questo prezioso stato d’animo e il variegato insieme di difficoltà, di pericoli e di ostacoli che coinvolge la vita di ognuno, specie in un periodo così duro come quello che stiamo vivendo. L’impegno che si profonde nel trovare l’ispirazione, tuttavia, viene ampiamente ripagata dai benefici che ne traggono. Per sé ma soprattutto per gli altri.

Rispondi