Matthieu Ricard, mente, meditazione e felicità

La felicità e la serenità sono qualcosa a cui la mente deve abituarsi Matthieu Ricard è un maestro in questo genere di attitudini e oggi parliamo proprio della sua esperienza.

Matthieu Ricard, mente, meditazione e felicità

La mente può essere la più grande alleata di un individuo o essere una nemica temibile quando gioca tiri mancini generando stress e preoccupazioni. Addestrare la mente aiutandola a farci del bene significa anche trovare un equilibrio valido per ogni aspetto della vita e anche per noi stessi.

Matthieu Ricard, è il monaco buddista che viene definito come l’uomo più felice del mondo e tale appellativo se l’è conquistato nel tempo, con una serie di pratiche e allenando anche la sua di mente.

Uno degli elementi caratterizzanti delle pratiche proposte da Matthieu Ricard è quello relativo alla meditazione.

Meditare significa apprendere di più su noi stessi, non si finisce mai di farlo con questa tecnica, ma è anche vero che fermarsi anche per pochi minuti al giorno, dedicandosi uno spazio che è interamente nostro per ciò che diventa facilmente un esercizio quotidiano ci da la possibilità di cambiare quasi nell’immediato il modo in cui osserviamo noi stessi e il mondo che ci circonda. Meditare è una pratica che aiuta a donare serenità, e il benessere interiore è certamente più vicino se si pratica tale arte.

Matthieu Ricard ha una doppia cultura, quella di nascita – occidentale – e quella acquisita dalla sua religione Buddhista, interprete del Dalai Lama per la lingua francese – orientale – e questa ambivalenza positiva la porta con se nella sua saggezza di monac.

Uno studio scientifico rispetto alla felicità va a suffragare il lavoro svolto da Matthieu Ricard che era un ex biologo dell’Istituto Pasteur prima di diventare un monaco buddhista.

Lo studio in questione viene dai suoi colleghi scienziati che hanno fatto dei test sul suo cervello riscontrando che 30 anni di meditazione praticata dal maestro, hanno atrofizzato le zone del cervello preposte alla depressione e hanno reso più attive quelle del benessere.

Ricard ci spiega che Meditare significa volgere le proprie intenzioni verso uno stato di lucidità, compassione e pace interiore davvero molto grande e che è la base da cui partire per affrontare le difficoltà e accedere a quel benessere che può essere una reale svolta nella vita quotidiana. Ricard sembra aver conquistato uno stato permanente di benessere grazie a delle specifiche buone pratiche, su tutte la meditazione di cui abbiamo anche tra le nostre pagine, visto e proposto come argomento importante.

L’esperienza di Matthieu Ricard del monaco e dello scienziato relativa alla meditazione conferma che questa pratica può regalare stabilità, serenità, gioia e anche empatia se lo si vuole.

Rispondi